Cascata della Colombaia, Pracchiola Lunigiana

In questi ultimi giorni la mia caccia alle cascate mi ha portato a Pracchiola, piccolo paese nel comune di Pontremoli, che vanta la presenza di una delle cascate tra le più belle della Lunigiana, la cascata del Piscio, ed una cascata meno conosciuta e più misteriosa, la cascata della Colombaia. In questo articolo e nei successivi vi porto con me a scoprire queste cascate e questo minuscolo e caratteristico borgo, partiamo con la scoperta della Cascata della Colombaia, buona lettura!!


Ponte della Colombara (prima inattesa scoperta)

L’obbiettivo della mia prima visita a Pracchiola era la Cascata del Piscio, una delle cascate più famose della zona, ma poco prima di arrivare al paese mi sono imbattuta in un cartello che indicava un antico ponte chiamato Ponte della Colombara, spinta dalla mia solita smania di scoperta ho iniziato ovviamente a seguire il sentiero indicato dal cartello.

Il sentiero si snoda comodo nel bosco portando sopra al Ponte della Colombara. Il ponte, risalente presumibilmente al 1400 e posto sull’antica Strada Lombarda, è stato restaurato nel 2007 grazie al contributo del Lions Club Pontremoli-Lunigiana così come riportato su di una targa all’imbocco del ponte. Oltrepassato il ponte il sentiero termina ad un’antica fontana.

Al lato destro del ponte si trova una stretta gola in cui il fiume scende impetuoso lungo taboga, cascate e cascatelle. Il canyon finisce proprio sotto al ponte in un’ultima cascatella, ed aprendosi poi a valle in un’ampia pozza verde smeraldo.

Per scendere sotto al ponte non vi è un sentiero vero e proprio ma ingegnandosi un po’ vi si arriva, godendo di una bella visuale d’insieme sulla gola e sul ponte stesso.

La misteriosa cascata della Colombaia

Dalle mie ricerche pre escursione sapevo che in quella zona era segnalata, oltre il Piscio, anche un’altra cascata, la cascata della Colombaia. Di questa cascata sono presenti pochissime foto in rete e per quello che avevo visto non corrispondeva di certo a quella sotto il ponte ne a quelle che si riuscivano a vedere nella gola, a monte del ponte. Risalire la gola era impossibile e quindi sono tornata sulla strada principale e da qui a Pracchiola.

La cascata del Piscio è ben segnalata da cartelli informativi ma della Cascata della Colombaia nessun accenno. Se fino a quel momento l’obbiettivo principale era il Piscio, l’alone di mistero che avvolgeva la Cascata della Colombaia ha fatto spostare il mio interesse e così mi sono messa a chiedere ad un paio di persone che ho trovato in paese. Nessuno sapevano dirmi nulla, mi rimandavano al Piscio!

Distratta dal ponte, dal canyon e dalla cascata misteriosa il sole stava già tramontando e così era ormai tardi anche per arrivare alla Cascata del Piscio: occorreva una seconda visita a Pracchiola!

In base a quel poco che ero riuscita a trovare sulla Cascata della Colombaia, avevo dedotto che doveva essere all’inizio del canyon, e così tornata a Pracchiola ho chiesto indicazioni in quel senso. Un gentile signore mi ha quindi suggerito di provare a scendere al fiume lungo il sentiero che costeggia la chiesa.

Si tratta di un sentiero molto comodo, penso un’antica mulattiera, che porta ad un tratto tranquillo del fiume. A logica seguendo il fiume verso valle sarei dovuta arrivare all’inizio della gola e quindi alla cascata della Colombaia.

Scendendo lungo il fiume, ben percorribile, per un centinaio di metri, ecco il rumore dell’acqua farsi rombante. All’improvviso infatti il fiume precipita con un salto di una decina di metri nella stretta gola: eccola la bellissima Cascata della Colombaia!

La particolarità della Colombaia è che l’acqua precipita, in due getti, in una buca rocciosa semicircolare creando una visuale d’ insieme davvero emozionante.

La cascata è visibile solo dall’alto e prestando molta attenzione poiché non sono presenti protezioni, per questo sconsiglio nella maniera più assoluta l’escursione alla cascata della Colombaia con bambini o animali.

Curiosità: si narra che moltissimi anni fa la cascata sia stata luogo di un fatto tragico, pare che un abitante del piccolo borgo, forse un frate, si sia recato al fiume in piena notte per poi gettarsi nella cascata venendo risucchiato nella gola e sparendo tra i fluttui senza essere mai più ritrovato. L’anziano signore che mi ha raccontato questa storia ha aggiunto che se si va al fiume la notte si può scorgere ancora il lumicino della lanterna del frate ondeggiare tra gli alberi 😨😨😨!

Cascata della Colombaia, Ponte della Colombara e Cascata della Colombara…. ??? Facciamo un po’ di chiarezza

Andando a fare ricerche sulla Cascata delle Colombaia ho trovato informazioni un po’ confuse. In località Zeri ( a circa 30 km da Pracchiola) esiste infatti una cascata della Colombara che alcune fonti chiamano Colombaia, ma che è ben diversa dalla Colombaia di Pracchiola. Il ponte antico situato poco a valle della Colombaia di Pracchiola è chiamato Ponte della Colombara… Mammia mia che confusione!!!

Da curiosa e pignola nel fornire informazioni quale sono ho così chiesto ad un esperto della zona se sapesse darmi maggiori informazioni scoprendo così il perché dei vari nomi.

In pratica mi ha spiegato che nessuno in realtà ha sbagliato nome, ma che queste località vengono chiamate dai locali in vari modi: Colombara, Colombaia, o ancora Colombarina, Colombaro, Colombaretta, Colombaie, Colombiéra, Columbèra e C’lonbara.

Nella zona questo è infatti un toponimo molto utilizzato poiché erano presenti molte “colombaie”, delle piccole torri annesse alle case coloniche la cui funzione originaria era di tipo difensivo ma che poi furono utilizzate per l’allevamento dei colombi, molto diffuso nel Medioevo.

I nomi ufficiali riconosciuti ad oggi per quanto documentato sono:

  • cascata della Colombaia a Pracchiola
  • ponte della Colombara a Pracchiola
  • cascata della Colombara a Zeri.

Se qualcuno ha delucidazioni in merito ai nomi può mandarmi un messaggio e sarò ben felice di aggiornare l’articolo!

Consigli utili

  • Non visitate questa cascata con bambini o animali
  • portatevi scorte di cibo perché a Pracchiola non vi è alcun punto di ristoro, vi sono però varie fontane da cui sgorga un’acqua buonissima in cui potete riempire le borracce
  • Indossate scarpe comode da trekking
  • non scordate un paio di scarpette da scoglio
  • Munitevi di un repellente per insetti

Rispettate la natura!

  • Non disturbate gli animali
  • Non danneggiate le piante
  • Portate via i vostri rifiuti
  • Non deturpate le rocce

🗺 Trovate la cascata della Colombaia su Google Maps🗺

Grazie per avermi letto e se questo articolo vi è piaciuto o vi è stato utile condividetelo!

Se come me siete amanti di cascate o di luoghi incontaminati, date un’occhiata anche a questi articoli:

>>> Cascate di Malbacco

>>>Stretti di Giaredo

>>>Cascata del Traaton

>>> Cascate di Candalla

>>> Cascate di Fiacciano ( Bozzi delle Fate)

>>>Cascate della Jamaica

Potrebbero interessarvi anche gli articoli delle categorie:

Articolo e foto ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata. 

Foto 1,2,4,5 ©Gianni Bedini, riproduzione vietata.

Per ulteriori informazioni, per  collaborazioni o per segnalazioni potete contattarmi a:

mail sabrina@ilmiomondolibero.it

mobile + 39 389 8463586 (via whatsapp)

messaggio facebook alla pagina Il Mio Mondo libero


Condividi l'articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.