Cascata del Traaton, un angolo di natura selvaggia a due passi dalla città.

Nell’articolo precedente vi ho parlato delle cascate della Giamaica, con questo nuovo articolo rimango sul tema cascate facendovi scoprire una piccola ma deliziosa cascata che si trova a poca distanza da dove vivo: la Cascata del Traaton.

Cascata del Traaton: la (mia) cascata fantasma

Cascata del Traaton

Molti anni fa avevo la passione di percorre in vespa ( non da sola ma con il mio fidanzato di allora perché io sono negata nel guidare le due ruote!) le stradine sterrate delle colline che corrono tra Toscana e Liguria, ed un giorno per puro caso, nel bel mezzo di un bosco, ho scovato una bellissima cascata. Tempo dopo sono tornata a cercarla ma  senza più riuscire a trovarla.

Qualche tempo fa su Instagram mi sono però imbattuta in alcune foto che sembravano immortalare proprio la mia cascata “fantasma”, ho così chiesto informazioni ricevendone però di vaghe ed imprecise, quasi la cascata fosse un luogo da mantenere segreto. L’unica cosa che ero riuscita a scoprire era almeno il nome: Cascata del Traaton.

Mi sono messa a fare ricerche e così ho potuto capire dove potevo trovarla ( non che sia poi così facile seppure relativamente vicina ad una delle strade principali della zona!).

Qualche giorno fa mi sono così messa “in viaggio” riuscendo a ritrovarla dopo oltre 20 anni!

Cascata del Traaton

Cascata del Traaton

Cascata del Traaton: come trovarla

La Cascata del Traaton si trova lungo la cosi detta “Via dei Molini”, un sentiero ad anello che collega Marciano, Molino del Piano e Castelnuovo Magra costeggiando il torrente Bettigna (riferendosi alla Cascata del Traaton, si usa anche il termine Cascate del Bettigna, l’uso del plurale mi fa pensare che magari lungo il torrente si trovino anche altre cascate oltre questa, ma ad oggi non ne ho notizie certe).

La passeggiata, adatta a chiunque non abbia particolari problematiche di mobilità, permette di ammirare, oltre antichi mulini e frantoi, luoghi suggestivi come appunto la Cascata del Traaton.

Nello specifico la Cascata del Traaton si trova sul sentiero Cai 302, che è il tratto che sale da Molino del Piano a Castelnuovo Magra. Potete quindi partire da entrambe le località, ma se vi interessa solo la cascata vi consiglio di partire da Molino del Piano poiché la potete raggiungere in circa 15 minuti.

Cascata del Traaton, lungo il sentiero Cai 302

La cascata resta tuttavia leggermente scostata rispetto al sentiero e non è facile scovarla, soprattutto nel periodo estivo quando la portata d’acqua è limitata.

Se andate in autunno o inverno probabilmente sarà il suo suono a guidarvi da lei. Se invece e andate in estate dovete arrivare ad un piccolo ponte in sassi, in prossimità di un mulino abbandonato, che si trova poco prima che il sentiero inizi a salire verso Castelnuovo Magra.

Prima del ponte imboccate lo stretto viottolo che, a destra, scende verso il torrente, percorrete una decina di metri e vi troverete proprio di fronte alla piccola ma suggestiva Cascata del Traaton.

Cascata del Traaton, Mulino abbandonato
Mulino abbandonato nei pressi della cascata

[Nota: se il torrente fosse particolarmente pieno non riuscirete ad arrivare di fronte alla cascata, ma magari in inverno, con gli alberi spogli è possibile sia visibile anche dal ponte.]

Curiosità ed emozioni

Un tempo la Cascata del Traaton era, in estate, il luogo in cui i bambini della zona si riunivano per  fare il bagno.

La prima volta che sono arrivata alla cascata è stato nei giorni di caldo torrido, potevo quindi esimermi dal fare un bagno come i bambini di un tempo? Ovviamente no!

A causa del caldo prolungato e della mia pressione bassa ero fisicamente molto a terra, ma fare il bagno, o meglio la doccia, alla cascata mi ha  risollevato e rigenerato in un attimo e per questo l’ho soprannominata la “Cascata Cocoon”😃!

Dopo aver visto le mie foto alcuni amici mi hanno chiesto di portarli a vederla e così ormai sono un’abitudinaria della Cascata del Traaton, ed ogni volta è una bellissima emozione ritrovarsi in questo angolo selvaggio ed un po’ magico in cui il tempo sembra non esistere ed in cui si riesce a ritrovare calma e serenità!

Articolo e foto (dove non diversamente specificato) di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Se come me siete amanti di cascate o di luoghi incontaminati, potrebbero interessarvi anche questi articoli:

>>>Stretti di Giaredo

>>>Cascate di Malbacco

>>>Cascate della Jamaica

Scoprite altri luoghi nei dintorni nella categoria Con me tra Toscana e Liguria >>>

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3898463586 (anche via whatsapp)


Condividi l'articolo!

18 thoughts on “Cascata del Traaton, un angolo di natura selvaggia a due passi dalla città.

  1. bellissimo questo posto! davvero magico… carino che la passeggiata permetta di ammirare antichi mulini e frantoi. Dev’essere una sensazione stupenda poter passare del tempo immersa in quella natura, fare il bagno in quelle acque.

    1. La prima volta era fredda ma visto il gran caldo dopo il primo impatto si stava bene. La seconda volta con la temperatura dell’aria più fresca ho provato ad entrare ma mi si sono subito gelate le gambe quindi ho rinunciato.

  2. Credo sia più facile da raggiungere parcheggiando l’auto al cimitero di castelnuovo magra borgo quindi prendere l’unico sentiero che c’è a sinistra dell’ingresso del cimitero. La strada è asfaltata ed agevole. Dopo qualche curva in discesa si raggiunge una scala in cemento si gira a sinistra si costeggia il mulino e dopo aver attraversato il ponte in pietra si vedono due cascate una sa sinistra e una a destra un po nascosta.
    Aldo

    1. Ciao, innanzitutto grazie della tua testimonianza e scusa il ritardo nella risposta! Essendo sul sentiero che da Castelnuovo porta a Molino del Piano la cascata, come scritto nell’articolo, può essere raggiunta sia da un lato che dall’altro, avendo fatto il percorso da Molino del Pian ho preferito riportare quello provato personalmente. Sicuramente da Castelnuovo è più semplice trovare il sentiero, in merito al sentiero in se non avendo provato non saprei dire quale sia più comodo. Sì, le cascate in prossimità del ponte sono 2 -ho scoperto la seconda ( più una terza più a monte) nella mia ultima visita ma non ho avuto modo di aggiornare l’articolo. Spero di poter presto fare il sentiero anche da Castelnuovo così da poter rendere ancora più completo il mio articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *