Punta Corvo: la spiaggia nera ed il sentiero dei 700 gradini


ATTENZIONE

Aggiornamento 2020: in seguito alle misure adottate per la prevenzione del Covid 19, per l’estate 2020 l’accesso alla spiaggia di Punta Corvo è a numero chiuso. Sono ammesse solo 172 presenze ma si può arrivare ancora sia via mare che via sentiero. Arrivando via mare le corse giornaliere, da Fiumaretta, sono 3 con partenze alle ore 9, 11 e 14. Ogni partenza ha obbligo di rientro prestabilito per cui: partenza delle  9 rientro alle 14 – partenza delle 11 rientro alle 17 – partenza delle 14 rientro alle 18. Scendendo per il sentiero occorre invece effettuare prenotazione tramite apposita applicazione.


La spiaggia di Punta Corvo è una delle spiagge più famose del Levante ligure, di certo una tra le più suggestive. ma anche la più difficile da raggiungere. Per arrivare alla spiaggia è infatti necessario percorrere un sentiero costituito da circa settecento gradini ( sarebbe meglio chiamarli gradoni perché soprattutto in prossimità della spiaggia sono molto alti e di conseguenza molto faticosi). Un’ escursione quindi piuttosto impegnativa, non adatta a tutti, ma che vale assolutamente la pena. Vi racconto il perché in questo articolo, buona lettura!

Punta Corvo: la spiaggia nera del levante Ligure

La spiaggia di Punta Corvo deve il suo nome al caratteristico colore nero dei minuscoli sassolini che la compongono. Il contrasto tra il verde della vegetazione del crinale, il nero della spiaggia e l’inteso azzurro del mare crea un paesaggio unico ed indimenticabile.

La spiaggia, piuttosto ampia, è racchiusa tra il monte e due scogliere e quindi protetta dalla brezza che caratterizza invece le altre spiagge di questa zona. Questa caratteristica, unita al colore scuro della spiaggia, che raggiunge temperature davvero elevate (mi ci sono ustionata un piede 😅) fa si che sia una spiaggia molto calda.

L’acqua di Punta Corvo è senz’altro una tra le più limpide della zona, ma attenzione poiché il fondale è profondo a pochi passi dalla riva ed in genere vi è una forte risacca.

Nella bella stagione, da Aprile a Settembre, a Punta Corvo arrivano anche i barconi da Fiumaretta e Bocca di Magra e per questo la spiaggia, nonostante sia isolata, soprattutto nei festivi e nel mese di Agosto, è  molto affollata.

Punta Corvo: il sentiero dei 700 gradini

La spiaggia di Punta Corvo è raggiungibile via terra attraverso il Sentiero Cai 436 che, partendo dal paese di Montemarcello, permette di raggiungere la spiaggia in circa 30 minuti. Io ne ho impiegati 40 ma fermandomi, spessissimo, a fotografare e filmare!

Il sentiero per Punta Corvo scende con dolcezza fino ad uno spiazzo panoramico dotata di panchine e vista sullo spettacolare Golfo dei Poeti. In questo punto si trova il bivio per il  sentiero 444 per Bocca di Magra ( è possibile quindi arrivare a Punta Corvo anche partendo da lì).

Dopo lo spiazzo panoramico inizia la “scalinata” che porta alla spiaggia. A differenza della scalinata di Monesteroli, in pietra arenaria, la scalinata di Punta Corvo è costituita da gradini ricavati nel terreno.

Il sentiero per Punta Corvo è immerso nel verde della macchia mediterranea e per questo si snoda quasi completamente in zone d’ombra che alleggeriscono la fatica.

A tratti  il verde della vegetazione lascia spazio all’azzurro intenso del mare, regalando alla vista emozioni uniche.

La risalita richiede ovviamente più tempo e più fatica, ma se si segue il proprio passo, fermandosi quando se ne sente il bisogno, così come ho fatto io, non è poi così drammatica. Il mio tempo di risalita è stato di circa 50 minuti.

Consigli utili

Consigli per il sentiero:

  • indossate scarpe adatte al trekking ( ho visto persone fare il sentiero in sandali, ovviamente incontrando non poche difficoltà)
  • portatevi scorta d’acqua poiché ne lungo il sentiero ne in spiaggia sono presenti punti di rifornimento
  • il sentiero è classificato come adatto agli escursionisti ma riesce a farlo chiunque sia un minimo allenato ( io in realtà mica lo sono poi molto!) e non abbia particolari problemi di salute
  • è sconsigliato per bambini ed anziani, ma personalmente ho visto due bambine di 3 e 5 anni ed una signora di 73 farlo senza grossi problemi. Ovvio tutto dipende dall’abitudine o meno a camminare!

Consigli per la spiaggia:

  • se avete intenzione di soggiornare qualche ora sulla spiaggia vi consiglio di portare un ombrellone o comunque qualcosa che possa offrirvi un po’ di ombra poiché il caldo è davvero intenso
  • portate cibo ed acqua poiché non è presente alcun punto di ristoro
  • sebbene non vi siano cartelli specifici evitate di sostare sotto le rocce
  • non camminate sulla sabbia asciutta scalzi perché raggiunge temperature davvero elevate

Punta Corvo: come arrivare

Punta Corvo, indicazioni

Punta Corvo è una spiaggia  tra le meno accessibili della zona in quanto non raggiungibile direttamente in auto e quindi poco adatta a chi non ama camminare. Per i più pigri, come ho già detto, è comunque disponibile da Aprile a Settembre un servizio traghetto.

  • Auto: dall’autostrada A 12 le uscite possono essere quella di Sarzana o Carrara. Occorre poi seguire le indicazioni per Ameglia e  per il borgo di Montemarcello. Una volta arrivati a Montemarcello dovrete parcheggiare in uno dei parcheggi disponibili (attenzione però, perché alcuni sono riservati ai residenti).  Percorrendo la strada principale, in direzione del centro del borgo, imboccate “Via dei Marchi di Don Calisto”. Proseguendo lungo la strada incontrerete due bivi, al secondo svoltate a destra e  da lì seguite le indicazioni del Sentiero.
  • Traghetto: Punta corvo è  raggiungibile nella bella stagione con partenze sia da Bocca di Magra che da Fiumaretta. Il tragitto in battello è molto suggestivo poiché consente di apprezzare appieno la vista su questo tratto di costa, scorgendo le spiagge e le insenature più nascoste. La durata della corsa è di circa 15 minuti ed il costo del biglietto è di 10 euro per andata e ritorno. Le corse giornaliere sono 3 da entrambi i porticcioli di partenza.

Articoli collegati

Articolo e foto (dove non diversamente specificato) di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Scoprite altri luoghi nei dintorni nella categoria Con me tra Toscana e Liguria >>>

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3898463586 (anche via whatsapp)


Condividi l'articolo!

17 thoughts on “Punta Corvo: la spiaggia nera ed il sentiero dei 700 gradini

  1. Credo valga la pena fare un percorso un po’ impegnativo, soprattutto al ritorno, per poter godere di paesaggi così belli !!! Foto splendide e ottimi consigli….brava Sabrina!

  2. Incredibile la spiaggia nera e soprattutto i gradini. Immagino che fare 700 gradini con il caldo non sia proprio una passeggiata, ma la spiaggia merita tutta la fatica! Comunque anche il sentiero in sè mi pare proprio bello, in mezzo alla natura e fra alberi e radici! Grazie per averci segnalato questo luogo, me lo segno fra “luoghi in Italia da vedere”!

  3. Un tragitto da mettere nella lista delle cose da fare in quell’angolo d’Italia, tra Liguria e Toscana, zona visitata troppi anni fa. Grazie per i consigli!

  4. Credo che il fascino della spiaggia stia proprio nel percorso impegnativo che bisogna fare per raggiungerla! Che soddisfazione, poi, dev’essere arrivare stanchi e trovarsi di fronte questo panorama!

  5. Ma che bellezza! penso che in estate con il caldo non sia semplicissimo fare tutti e 700 i gradini ma che poi si venga ripagati dalla bellezza dell’acqua di quella spiaggia!

  6. Si dice che la fatica premia. Per me vale la pena scendere e salire i gradini per paesaggi che riescono a regalarmi emozioni e anche belle fotografie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *