Castelli di Lunigiana: Il Castello della Verrucola ed il suo incantevole borgo

Castello della Verrucola
Castello della Verrucola

Il Castello della Verrucola, che domina l’omonimo piccolo borgo,  è forse uno tra i più scenografici castelli della Lunigiana e sicuramente  uno tra quelli meglio conservati.

Percorrendo la statale 63 che conduce da Massa Carrara verso Parma non si può che restare affascinati dalla maestosità di questa costruzione medievale che sorge, quasi inaspettata, tra i boschi della Lunigiana orientale.

Castello della Verrucola: la storia

I primi documenti storici in cui si trova menzione del borgo della Verrucola, annoverano il feudo tra i possedimenti della famiglia nobile dei Bosi. Negli stessi documenti si fa riferimento alla presenza  di fortificazioni, in particolare di una casa- torre, già a partire dal XII secolo.

Posizionato a cavallo di uno dei più importanti varchi transappenninici, il Castello della Verrucola è stato conteso nei secoli dalle principali famiglie nobili locali che hanno ingaggiato cruenti lotte per potersene aggiudicare il controllo.

Dopo molti passaggi il castello è giunto infine ai Malaspina che da sempre ne rivendicavano la proprietà per privilegi imperiali. Furono proprio i Malaspina, ed in particolare Spinetta Malaspina, ad apportare al castello, a partire dal 1300, opere di ampliamento come l’aggiunta delle imponenti torri di fiancheggiamento.

Nel 1478 Spinetta Malaspina lasciò per testamento il feudo della Verrucola alla Repubblica Fiorentina che vi consolidò il proprio dominio.

Il castello subì gravi danni in seguito ad un forte terremoto che colpì la zona nel 1481, fu però recuperato e trasformato in un monastero per monache agostiniane.

Nel 1977 il castello fu  infine acquistato dallo scultore Pietro Cascella e dalla moglie Cordelia Von Den Steinen che lo restaurarono con grande impegno e lo adibirono a loro dimora ufficiale.

Castello della Verrucola: oggi residenza privata e studio d’arte

Uno scorcio dell’interno del Castello

Il castello è a tutt’oggi proprietà di Cordelia Von Den Steinen, ma è possibile, previo appuntamento, poter effettuare un rapido giro all’interno.

Appena si varca l’antico portone si entra in una grande sala denominata Sala d’Armi la cui volta, impostata sull’imponente pilastro centrale ottagonale, rappresenta una delle particolarità strutturali del castello.

La Sala D’armi, fulcro dell’intera costruzione, oggi è impreziosita dalla presenza delle opere, nonché di progetti e bozzetti, del maestro scultore Pietro Cascella. Adiacente alla Sala d’armi vi è il laboratorio che ancora viene utilizzato da Cordelia Von Den Steinen e dal figlio, il pittore Jacopo Cascella.

Dalla Sala d’Armi una scala in pietra porta ai piani superiori adibiti ad abitazione vera e propria in cui è  possibile ammirare  due enormi saloni,  di cui uno dominato da un imponente camino.

All’esterno del castello, a cui è inglobata, si trova la piccola ma suggestiva chiesa di  Santa Margherita. Costruita nel 1400 la chiesa è  dotata di uno splendido loggiato ad archi in pietra serena e di un maestoso altare ligneo.

Castello della Verrucola: il borgo

Il borgo della Verrucola è davvero minuscolo ma infinitamente incantevole. Si sviluppa mediante edifici a schiera che circondano a “c” il castello, lasciando aperta la parte ad Ovest verso valle e degradando a nord e sud  fino al limite naturale dei torrenti Mommio e canale Collegnago. Verso Est il borgo si protende fino al margine dell’attuale strada statale.

Poche case, ristrutturate nel  rispetto della storia medievale del luogo ed  immerse in un silenzio di altri tempi, rotto soltanto dal placido scorrere dell’acqua, fanno del paese di Verrucola un luogo da favola che meriterebbe di essere maggiormente conosciuto ed apprezzato.

Di fronte al borgo ed al castello, su di un’altura, è presente una torre ausiliaria di avvistamento risalente probabilmente al secolo XIV.

Castello della Verrucola: informazioni utili

In auto si può raggiungere il Castello della Verrucola percorrendo l’autostrada A 15 ed uscendo al casello di Aulla. Immettendosi sulla SS 63 occorre seguire poi le indicazioni per  Fivizzano, da qui, proseguendo  in direzione Parma, dopo un paio di chilometri si arriva a Verrucola.

In treno è possibile arrivare. tramite la linea La Spezia/Parma, fino alla stazione di Aulla e da qui proseguire per Fivizzano con autobus della linea locale (Ma attenzione: le corse, già scarse nei giorni feriali, sono pressoché inesistenti nei festivi!).

Il Castello della Verrucola è visitabile su appuntamento, con offerta libera ( minimo 10 € a persona),  contattando il 366 3832098.

Castello della Verrucola: scorci del borgo

Scopri gli altri castelli:

Potrebbero interessarti anche:

Piccoli gioielli nascosti tra i boschi della Lunigiana: Varano e la sua torre.

Stretti di Giaredo: un’insolita avventura nella natura incontaminata della Lunigiana

Articolo e foto (dove non diversamente specificato) di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Trovate tutti gli articoli dedicati alla Lunigiana cliccando qui>>>

Scoprite altri luoghi nei dintorni nella categoria Con me tra Toscana e Liguria >>>

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3703515651 (anche via whatsapp)


 

Condividi l'articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *