Castello di Pontebosio, storia e curiosità del castello e del piccolo borgo

Sharing is caring!!!

Dopo una breve pausa ecco finalmente un nuovo articolo con cui riprendo il viaggio tra i Castelli della Lunigiana portandovi a scoprire il Castello di Pontebosio.

Il Castello di Pontebosio è stato uno dei primi castelli lunigianesi che ho visitato quando ancora il blog non esisteva, in questi giorni ho avuto modo di tornarvi ed eccovi quindi l’articolo dedicato.

Castello di Pontebosio: storia e curiosità

Castello di Pontebosio

Castello di Pontebosio

La storia

Il Castello di Pontebosio, posizionato nei pressi della località Monti di Licciana Nardi, sorge sulla sponda sinistra del torrente Taverone e fu edificato, attorno al XVII secolo (forse sulle rovine di un più antico castello), presumibilmente a difesa del ponte che passa proprio alla sua base e che rappresentava l‘unica via di accesso alla valle ed alle pievi di Venelia e Soliera.

Il ponte fu fatto costruire dai Bosi, signori della Verrucola, prima dell’avvento dei Malaspina, e per questo fu chiamato Pontebosio, nome che poi fu allargato al Castello ed al piccolo borgo che vi si è sviluppato attorno.

La stuttura

Il castello di Pontebosio è una costruzione a pianta rettangolare ed è caratterizzato da quattro torri quadrangolari agli angoli.

Nel corso del tempo il castello è stato presidio militare, residenza signorile, seminario ed in tempi più recenti scuola. Dal settembre 2017 infine è stato adibito ad hotel di lusso.

Essendo adibito ad hotel non è ovviamente possibile visitare il castello all’interno. E’ possibile però ammirarlo e fotografarlo in tutta la sua maestosità da qualsiasi angolazione, poiché vi si può girare intorno quasi a 360°.

Castello di Pontebosio, lato sud

Castello di Pontebosio, visto dall'antico ponte

Castello di Pontebosio, vista lato est

Castello di Pontebosio: il borgo

Castello di Pontebosio, l antico ponte sul torrente Taverone
Il Ponte sul torrente Taverone

Il borgo di Pontebosio è costituito da un piccolo agglomerato di case che si sviluppano a semicerchio a sud del castello attorno ad una piazza principale su cui si affaccia anche la chiesa barocca di San Jacopo, fatta edificare da Ferdinando Malaspina.

Il borgo, caratterizzato da stretti vicoli lastricati e numerose volte, conserva angoli suggestivi in cui il tempo sembra essersi fermato e passeggiando, accompagnata solo dallo scrosciare del torrente Taverone, ho avuto l’impressione di “sentire il profumo del passato”.

Un tempo nel borgo era presente un mulino che ormai è in disuso e di cui mi hanno detto si possono ammirare ancora le macine, ma personalmente non sono riuscita a trovarlo.  (Sì che alle 13:00 con 40° il mio spirito esplorativo era un po’ provato!!!)

Davanti al borgo si trova un piccolo castello, il  Castello di Poderetto fatto edificare dai Malaspina di Podenzana.

Castello di Pontebosio: come arrivare

Anche se esistono servizi di bus pubblici che collegano Aulla e Licciana Nardi a Pontebosio, il mezzo più comodo per raggiungere il castello è sicuramente la propria auto.

Percorrendo la A 15 l’uscita è quella di Aulla, da qui occorre  proseguire  poi in direzione di Licciana Nardi  seguendo la SS 62 e poi la SP 74. Poco dopo la località  Monti di Licciana, sulla destra troverete il castello ed il borgo di Pontebosio.

Scopri gli altri castelli:

Potrebbero interessarti anche:

Piccoli gioielli nascosti tra i boschi della Lunigiana: Varano e la sua torre.

Stretti di Giaredo: un’insolita avventura nella natura incontaminata della Lunigiana

 

Articolo e foto (dove non diversamente specificato) di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Trovate tutti gli articoli dedicati alla Lunigiana cliccando qui>>>

Scoprite altri luoghi nei dintorni nella categoria Con me tra Toscana e Liguria >>>

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>.

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3703515651 (anche via whatsapp)


 

Seguimi sui social e trova i miei libri su Amazon:
Sharing is caring!!!

20 thoughts on “Castello di Pontebosio, storia e curiosità del castello e del piccolo borgo

  1. Bellissimo Pontebosio, non lo conoscevo affatto. Le foto sono meravigliose, è stato quasi essere li, rivivere la storia del Castello e del suo ponte. La Lunigiana la conosco ben poco, ma mi attira molto.

  2. Sempre interessanti i tuoi articoli, a fine agosto vengo una settimana a Massa e mi sto preparando qualche “gita ” da fare grazie ai tuoi suggerimenti. Questo borgo mi piacerebbe molto, ma devo valutare la distanza

  3. Adoro i castelli e le residenze nobiliari. Leggere il tuo post mi ha incuriosito e sono andata subito a cercare il sito del Castello di Pontebosio. Ho fatto bene perché si tratta di un posto favoloso. Le stanze sono un sogno, arredate sapientemente e con gusto.
    So che tu non ne hai parlato, ma mi hai fatto venir voglia di andare in quei luoghi e passando vicino al Castello dire “bellissimo, anche dentro”. :-)))))

  4. molto affascinante questa zona e questi castelli
    quando ero una bambina li sognavo… mi hai messo molta curiosità
    vado sul sito a vederli

  5. Non c’è che dire. La Toscana e l’Italia tutta offre sempre paesaggi, paesi, scorci deliziosi e tanta tanta storia.
    Grazie per averci mostrato questa meraviglia.

  6. Sembra un luogo senza tempo, uno di quei luoghi dove il tempo non sia mai passato, sono posti davvero belli, da visitare in tutta tranquillità.

  7. queste foto invitano molto ad andarci, adoro “perdermi” nei castelli, conoscerne la storia e soffermarmi su chi ha vissuto fra quelle mura: è una passione che sono riuscita a trasmettere anche ai miei primi 2 figli. Segnato per una gita domenicale 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *