Castelli di Lunigiana: Castello di Monti di Licciana

Sharing is caring!!!

Il Castello di Monti di Licciana, uno tra quelli meglio conservati di tutta la Lunigiana, è, assieme al Castello di Pontebosio (sono vicinissimi  tra loro e quindi possono essere visti nella stessa escursione), uno dei primi Castelli della Lunigiana che ho visitato e ad oggi uno di quelli che mi ha maggiormente affascinato.

In questo articolo vi fornisco qualche informazione e curiosità su questo meraviglioso castello.

Buona lettura!

Castello di Monti di Licciana: una visita “fiabesca”

Castello di Monti di Licciana, una delle torri

Il Castello di Monti di Licciana sorge su una piccola collina che domina l’omonimo paese di Monti. La strada per raggiungerlo è piuttosto stretta ma asfaltata (si percorre quindi tranquillamente con qualsiasi tipo di auto) e termina in un piccolo spiazzo, su cui si affacciano alcune case, proprio ai piedi del castello. Questo piccolo agglomerato di case è chiamato località Castello. Dallo spiazzo parte un vialetto alberato che, costeggiando le mura, porta all’ingresso del castello.

Sarà stato per la totale assenza dei rumori del nostro tempo, non essendoci nessuno in giro, ma incamminandomi lungo il vialetto ho avuto come l’impressione di varcare un invisibile portale e di essere catapultata in un altro tempo.

Dopo una decina di metri, mentre il vialetto prosegue verso un boschetto di lecci secolari, sulla sinistra si trova il  portone d’ingresso al castello.

Castello di Monti di Licciana, vialetto di accesso

Castello di Monti di Licciana, vialetto di accesso

Castello di Monti di Licciana, portone principale

Il Castello di Monti di Licciana purtroppo, essendo proprietà privata,  non è visitabile all’interno, così ho dovuto accontentarmi di sbirciare  attraverso la grossa serratura.  Al di là del portone si apre un ampia stanza dal pavimento di pietra , sovrastata sul lato opposto da due enormi finestre. Il castello deve essere molto bello anche internamente, un vero peccato non potervi accedere.

Tornando indietro, sulla sinistra, ho notato una serie di piccoli e malconci gradini di pietra, ormai quasi completamente sommersi dalle erbacce, che, girando attorno ad un angolo delle mura, portano sul retro del castello. Vi era un cartello di divieto d’accesso…

Castello di Monti di Licciana, scalette che portano sul retro
Nota: la foto è stata scattata nel corso della mia seconda visita e la breve scalinata era per fortuna più ripulita

Vista la condizione dei gradini ho pensato che il retro fosse il regno di erbacce e macerie ma, dato che oramai ero lì,  era giusto scoprire ogni angolo del castello (e per di più un cartello di divieto d’accesso è un bell’invito per il mio spirito ribelle!!) così con estrema attenzione, ho iniziato a salire i gradini.

 

Castello di Monti di Licciana, prato sul retro

Con sorpresa ho così scoperto che il retro del castello è  forse ancora più bello del fronte: sotto le mura, perfettamente conservate, si estende infatti un enorme e verdissimo prato sovrastato dai rami, così grandi da sembrare alberi orizzontali, dei lecci secolari del boschetto sottostante. Un paesaggio fiabesco che mi ha lasciata senza fiato e, nel silenzio, mi è sembrato quasi di percepire arcane ma amichevoli  presenze .

Castello di Monti di Licciana, il castello visto dal bosco di lecci

 

Castello di Monti di Licciana, il castello visto dal bosco

Castello di Monti di Licciana, il castello visto dal bosco

Castello di Monti di Licciana: curiosità e storia

La struttura

Il Castello di Monti di Licciana, ha una struttura a rettangolo irregolare dominata da un imponente mastio quadrato.  Agli angoli sorgono torri cilindriche, tra loro di di differenti dimensioni. Nella più massiccia si trova il portone d’ingresso principale, un tempo questo ingresso era dotato di ponte levatoio.

Lungo le mura è ancora visibile la merlatura ghibellina a coda di rondine, anche se nel corso delle varie ristrutturazioni i vuoti sono stati murati per poter permettere la costruzione del tetto a falde.

Anche il borgo che circonda il castello di Monti di Licciana, conserva i segni delle antiche fortificazioni, sono infatti ancora visibili  la porta occidentale, con l’arco originale, ed alcune torrette angolari.

Castello di Monti di Licciana, scorcio delle mura

 

La storia

Sebbene con grandi probabilità, sul sito dell’ odierno castello sorgeva in precedenza una fortificazione del XII secolo,  a presidi della vicina Via Francigena, le prime notizie documentate del castello risalgono al 1275, periodo in cui la zona apparteneva ai Conti di Moregnano.

Nel 1355 il castello passò poi sotto il dominio dei Malaspina di Villafranca che nel 1449, sconfitti dai genovesi, dovettero lasciare il feudo ai Campofregoso.

Attorno al 1554 il castello tornò in possesso dei Malaspina che vi avviarono  importanti opere di ampliamento e di rafforzamento. Nel 1578 il castello fu conquistato da Giovanni dalle Bande ed infine tornò ai Malaspina nel 1638.

Attualmente il castello è proprietà degli eredi dei Malaspina che lo utilizzano come residenza occasionale.

La leggenda narra che sul luogo in cui sorge il paese di Monti sorgesse l’antica città di Venelia che fu distrutta dai Longobardi nella metà del VII secolo.

Castello di Monti di Licciana, scorcio delle mura e fontana del borgo

Castello di Monti di Licciana: come arrivare

Come per la maggior parte degli altri castelli della Lunigiana, anche per raggiungere il Castello di Monti di Licciana il mezzo migliore è la propria auto (o un’auto a noleggio).

Per arrivare al Castello di Monti dl’autostrada è la A15 Parma -La Spezia, l’uscita Aulla.

Da Aulla occorre poi seguire le indicazioni per Licciana Nardi, imboccando la strada statale della Cisa.

Prima di raggiungere Licciana Nardi troverete Monti di Licciana, da qui basta seguire le ben chiare indicazioni per il Castello.

Scopri gli altri castelli:

Potrebbero interessarti anche:

Stretti di Giaredo: un’insolita avventura nella natura incontaminata della Lunigiana

Piccoli gioielli nascosti tra i boschi della Lunigiana: Varano e la sua torre.

 

Articolo e foto (dove non diversamente specificato) di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Trovate tutti gli articoli dedicati alla Lunigiana cliccando qui>>>

Scoprite altri luoghi nei dintorni nella categoria Con me tra Toscana e Liguria >>>

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3703515651 (anche via whatsapp)


 

Seguimi sui social e trova i miei libri su Amazon:
Sharing is caring!!!

16 thoughts on “Castelli di Lunigiana: Castello di Monti di Licciana

  1. Avendo un castello nella mia Gorizia so quant’è bello averne uno nel panorama cittadino. Fin troppo spesso da noi ne diamo per scontata la presenza ma questi pezzi importanti della storia locale fanno sempre impressione su chi arriva da fuori.

  2. Sarà che io fin da piccola trovo che i castelli emanino magia, specialmente se si trovano in mezzo al verde, davvero bello.

  3. I castelli fanno parte della nostra storia, l’Italia ne è ricchissima.
    Molto bello e particolare questo che si trova a Licciana. Un bel servizio fotografico

  4. è una zona stupenda, ci sono tantissimi posti meravigliosi. avevo dei parenti che abitavano in quelle zone ma si sono trasferiti altrove anni fa, sono posti che ricordo sempre con grande piacere

  5. Peccato non poterlo visitare all’interno. Sai per caso se organizzano delle giornate di apertura, durante le quali sia possibile entrare nel castello?

    1. So che gli eredi Malaspina usano il castello come residenza prettamente estiva, e che in alcune particolari occasioni il castello è aperto ma non è ben chiaro quali siano queste occasioni.

  6. È un peccato non poterlo visitare internamente. Sarà meraviglioso sicuramente. 🙂 grazie per le belle foto. Ci sono posti dove non potrei arrivare 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *