Duomo di Pistoia e Santiago de Compostela, la storia che li lega

Scrivendo l’articolo Cosa vedere in Toscana ho scoperto che il Duomo di Pistoia e Santiago de Compostela sono legati da un’antica storia che conduce i pellegrini anche nella chiesa toscana. Ve la racconto in questo breve articolo, buona lettura!!

Duomo di Pistoia e Santiago de Compostela un antico legame religioso

Il patrono di Pistoia è San Jacopo, uno degli apostoli di Gesù. San Jacopo altri non è che San Giacomo (Jacopo o Iacopo) Maggiore, cioè proprio quel Santiago (da Sancti Jacobi, in spagnolo Sant-Yago) da cui si recano in pellegrinaggio milioni di fedeli ogni anno percorrendo il Cammino di Santiago.

Nel 849 i pistoiesi, temendo l’invasione dei Saraceni, chiesero protezione a San Jacopo, la città non fu attaccata e così i pistoiesi elessero San Jacopo a loro patrono.

Attorno al 1145 l’allora vescovo di Pistoia, Atto, chiese all‘arcivescovo di Santiago di Compostela, Diego Gemírez una reliquia del corpo del Santo e fu così che un piccolo frammento di osso del cranio fu portata da Santiago de Compostela a Pistoia e sistemata in un altare del Duomo.

Da quel momento la città divenne meta di pellegrinaggio da parte di moltissimi pellegrini che, ancora oggi, chiedono protezione alla partenza per il Cammino di Santiago o ringraziano al ritorno.

Una curiosità

Il Duomo di Pistoia non è però dedicato a San Jacopo ma bensì a San Zeno e questo perché la chiesa era di molto precedente ai fatti del 849; prima ancora la chiesa era intitolata a San Martino.

Le statue marmoree dei due santi si dividono le estremità della cuspide della chiesa. 

Per tutte le informazioni sul Duomo di Pistoia a breve l’articolo dedicato!

Per qualsiasi informazione, suggerimento o collaborazioni potete contattarmi cliccando qui!

Articolo ©Sabrina Musetti.

Foto by Pixabay

Protected by Copyscape

Potrebbero interessarvi anche gli articoli delle categorie:

Grazie per avermi letto e se l’articolo vi è piaciuto condividetelo!


Condividi l'articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *