Sea Shepherd: tour della “Sam Simon” un’esperienza emozionale da non perdere!

Sharing is caring!!!

Nota: Questo articolo, in cui vi racconto la mia visita alla motonave Sam Simon della Sea Shepherd, è del Luglio 2017, ve lo ripropongo perché  la Sam Simon, dopo un periodo di importanti lavori di manutenzione, prima di partire per la prossima missione a salvaguardia degli oceani, sarà  di nuovo visitabile a La Spezia il 29 e 30 settembre con orario dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17.  Non perdetevi questa bella esperienza!

Sea Shepherd: tour della “Sam Simon” un’esperienza emozionale da non perdere!

Sea Shepherd, MV Sam Simon

Tra la Sea Shepherd ed il porto di La Spezia si è instaurato un buonissimo rapporto tanto che è ormai una piacevole consuetudine che qualcuna delle navi della flotta sia saltuariamente ospitata in porto per lavori di manutenzione. 

Durante le soste in porto l’equipaggio offre la possibilità di effettuare tour gratuiti e guidati della nave, raccontando la storia della nave stessa e la storia del movimento di Sea Shepherd.

lo scorso anno mi è sfuggita la possibilità di effettuare la visita ma quest’anno non ho perso tempo ed ieri ho avuto modo di scoprire la Sam Simon, una nave dalla storia molto particolare.

Sea Shepherd: la storia della MV Sam Simon

La Sam Simon era  in origine una nave della flotta  baleniera giapponese , proprio quella contro cui Sea Shepherd ha lottato e ancora lotta aspramente.

La nave è stata acquistata tramite una società navale fittizia da Sam Simon, produttore dei Simpson, e poi donata a Sea Shepherd a cui i giapponesi mai l’avrebbero venduta.

I volontari raccontano che una volta in possesso della nave, nello stesso porto in cui era ancorata, l’hanno ridipinta con i colori di Sea Shepherd, dotandola dell’inconfondibile logo tra lo stupore e l’incredulità dei giapponesi che ormai non potevano più fare nulla.

La Sam Simon, il cui nome originario era Kaiko Maru,  lunga 56 metri e larga 9,8 metri, fu costruita nel 1993 e veniva utilizzata dalla flotta baleniera giapponese come osservatorio metereologico navale.

La Sam Simon è stata impiegata  per la prima volta da Sea Shepherd nel 2012 in Antartico, durante la campagna Operation Zero Tolierance, proprio a difesa delle balene.

Sea Shepherd: la campagna Milagro III

La Sam Simon è appena rientrata dal Messico dove è stata impegnata per tutto l’inverno nell’operazione Milagro III a difesa dei delfini Vaquita, specie di cui esistono ormai solo 30 esemplari al mondo.

Il Vaquita non è la preda diretta dei bracconieri  (la cui attenzione è rivolta al Totoaba, comunque  specie protetta, la  cui vescica natatoria ha un valore enorme sul mercato giapponese ,dove viene ritenuta un potente afrodisiaco) ma l’uso di reti illegali comporta un gravissimo pericolo per questo particolare tipo di delfino.

Il compito della Sam Simon in questa operazione era quello di recuperare le reti da pesca illegali e vigilare sulla zona per contrastare la pesca illecita, in collaborazione con le autorità messicane.

Durante questa operazione sono stati recuperati decine di chilometri di reti illegali.

In queste reti sono stati trovati impigliati pesci di ogni tipo tra cui tartarughe, balene, delfini e leoni marini, molti sono stati salvati ma migliaia purtroppo non c’è l’hanno fatta.

Durante l’operazione Milagro sono stati trovati ben 5 delfini Vaquita morti.

Sea Shepherd: tour della Sam Simon a La Spezia

Sea Sherpherd, la Sam Simon ancorata a La Spezia

La motonave Sam Simon è visitabile gratuitamente a La Spezia, presso il Molo Italia, nei week end del 15/16 Luglio, 22/23 Luglio e 29/30 Luglio. [Aggiornamento 2018: 14/15 e 21/22 Aprile – 29/30 Settembre] 

Il mattino si può effettuare il tour dalle 10:00 alle 12:00, il pomeriggio dalle 14 alle 17. La visita ha una durata di circa mezz’ora.

Durante il tour alcuni volontari, nonché membri dell’equipaggio, vi guideranno tra i vari ponti della nave raccontandovi  la storia di Sea Shepherd in generale e della Sam Simon in particolare.

All’interno della nave potrete vedere la sala comando, le cucine, la sala macchine, la zona cabine e la sala svago, qui vi verrà mostrato un commovente filmato che spiega la missione e l’impegno di Sea Shepherd a difesa degli Oceani e degli animali che li popolano.

Sea Shepherd, gommone a bordo

La visita è assolutamente gratuita,  ma per sostenere la causa è possibile acquistare dei gadget o lasciare libere offerte. E’ possibile anche portare scorte per la cambusa. 

Se siete in zona vi consiglio  di non perdere questo breve tour  della Sam Simon perché è un’esperienza sicuramente unica ed emozionante ed un modo per conoscere meglio ed in maniera diretta il movimento Sea Shepherd.

L’impegno e l’amore che i volontari mettono in questa causa trasuda da ogni racconto, gesto e sguardo, diventando contagioso e facendo venir voglia di unirsi a loro……

Sea Shepherd: come diventare volontario

Per diventare un volontario Sea Shepherd non occorre esperienza marinara ma solo amore per gli animali e per il mare, l’unica cosa richiesta è un’ottima conoscenza della lingua inglese.  Gli equipaggi della navi sono infatti internazionali e, anche per ragioni di sicurezza, è quindi indispensabile avere buona padronanza dell’inglese. E’ possibile fare volontariato anche solo a terra. Per fare richiesta di ” arruolamento” basta compilare il relativo modulo sul sito.

Se volete scoprire di più su Sea Shepherd potete visitare il sito ufficiale cliccando qui!

Articolo di ©Sabrina Musetti ( riproduzione vietata).

Protected by Copyscape

Foto: foto 1 dalla pagina fb ufficiale della MV Sam Simon, altre foto di Sabrina Musetti

Scopri altri luoghi ed esperienze da vivere in zona, vai alla categoria A spasso tra Toscana e Liguria >>>

Per tutti gli articoli di viaggio vai alla categoria Travel >>>



Sharing is caring!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *