Caligo, la nebbia del mare. Curiosità e leggenda.

Qualche giorno fa la riviera apuana, ma anche tutta la costa Ligure sono state interessate dal caligo, la nebbia del mare. Si tratta di un fenomeno molto raro nella mia zona (io l’ ho visto solo due volte nella mia vita e che pare essersi verificato dal 1970 ad oggi solo tre volte). Quest’ultima volta è stato particolarmente intenso ed è durato molte ore, spingendosi per alcuni chilometri nell’entroterra. Ma cos’è il caligo e quale leggenda lo avvolge? Ve ne racconto in questo articolo, buona lettura!

Caligo la nebbia di mare, avvolge le barche

Il fenomeno del Caligo, la nebbia del mare

La “nebbia marittima da avvezione”, chiamata caligo o anche macaia o lupa di mare, è un fenomeno meteorologico che può verificarsi nel periodo tardo invernale e primaverile nelle località costiere della Liguria ma anche sulla costa apuana.

Il fenomeno si verifica quando una corrente d’aria calda umida passa, per avvezione, movimento orizzontale dei flussi d’aria, sopra l’acqua ancora fredda del mare. L’aria raffreddandosi da origine alla nebbia del mare.

La leggenda del Caligo

Tra i pescatori e la gente di mare si narra che la nebbia del mare avvolge spiriti che vengono a prendere le anime rimaste “imprigionate” tra la terra e l’aldilà e che per questo non possono trovare pace.

Gli “spiriti del mare”, avvolti nella fitta nebbia, cercano queste anime tormentate, le prendono con loro e le accompagnano nell’aldilà per liberarle dalla sofferenza. Passando sul mare, cullate dalle onde, le anime si calmano ed affrontano il passaggio per trovare pace.

Conoscevate già la leggenda del caligo o ne conoscete altre? Se viva raccontatemelo nei commenti!

Articolo e foto ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata.

Scoprite altri articoli della categoria Lifestyle >>>

Scoprite i miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per segnalazioni, informazioni o collaborazioni, contattatemi:

alla mail sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 389 8463586 (anche via whatsapp)

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero.


Condividi l'articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *