Tre giorni in Costiera Amalfitana, per ritrovarsi tra musica e mare

Tre giorni nella Costiera Amalfitana, ritrovandosi tra musica e mare

Costiera Amalfitana, me e Nadine

Quello nella Costiera Amalfitana è stato un viaggio improvvisato da un giorno all’altro, ma uno di quelli che occuperà sempre un posto speciale nel mio cuore. E’ stato infatti il primo viaggio sole io e mia figlia.Abbiamo viaggiato tanto insieme, in lungo ed in largo per il mondo, fin da quando era piccolissima, ma erano viaggi di un’altra vita quando ancora eravamo una famiglia. Poi c’è stata la separazione ed un involontario allontanamento, così quel inaspettato viaggio sole, è stato  la prima occasione per ritrovarci  insieme, lontano da situazioni e persone che, anche senza volerlo, avevano finito per allontanarci. Mia figlia è una “cantante” ( sta ancora studiando ma iniziando proprio in questi giorni  il suo primo vero lavoro posso pavoneggiarmi nel dire che è una cantante a tutti gli effetti 😂 ) e nel Settembre 2016 ha deciso di partecipare ad un concorso canoro che si teneva a Minori, nella Costiera Amalfitana, fu ammessa alle semifinali e così in fretta e furia mi sono ritrovata ad organizzare il viaggio. Questo articolo è un breve diario di viaggio, una cronaca, di quei tre giorni insieme nella Costiera Amalfitana che ci hanno riavvicinato. Buona lettura!

Costiera Amalfitana: un viaggio a basso costo organizzato in quindici minuti!

Le città da prendere come riferimento per la Costiera Amalfitana sono Salerno, Napoli e Sorrento. Da queste città si possono poi raggiungere i vari borghi della costiera con bus, traghetti e aliscafi.

Alloggiando a Minori, personalmente ho optato per Salerno.

Il  viaggio in treno per Salerno è in linea di massima piuttosto costoso e così, essendo disponibile da La Spezia la tratta su Salerno con Flixbus, con cui avevo avuto già un’ottima esperienza di viaggio ( un giorno a Roma per i provini di Uomini e Donne di cui poi un giorno vi racconterò 😂) , ho optato per questa soluzione, più economica e secondo me più comoda.

La spesa per andata e ritorno è stata di circa una trentina di euro a testa, fantastico! [Io ho optato per il bus, ma se volete scoprire tutti i mezzi con cui poter raggiungere la Costiera Amalfitana leggete l’articolo “Come arrivare nella Costiera Amalfitana”]

Per l’alloggio mi sono affidata a booking.com, e fra le varie proposte ho scelto un appartamentino che dava tre notti a poco più di 100 euro.

Sono riuscita quindi ad organizzare il viaggio per due con meno di duecento euro totali, ho fatto un ottimo lavoro direi!

Si parte: in viaggio verso la Costiera Amalfitana by bus

La partenza del nostro bus da La Spezia per Salerno era alle due della notte, con  arrivo a Roma alle 8 del mattino, poi cambio bus ( con un attesa di circa un paio d’ore) e proseguimento per Salerno.

Certo un viaggio lunghissimo, circa 11 ore, ma che è stato assolutamente  piacevole. D’altronde io adoro i viaggi on the road e riesco a dormire tranquillamente anche in bus.

Giorno 1: da Salerno a Minori, un altro bus per un viaggio spericolato!

Una volta arrivati a Salerno occorre raggiungere la piazza della stazione, da qui partono infatti gli autobus Sita che svolgono il servizio di trasporto pubblico da Salerno ad Amalfi, toccando tutti i paesi della Costiera Amalfitana.  Dalla fermata dei bus, basta attraversare il viale a mare, percorrere un centinaio di metri e ci si ritrova nella piazza della stazione

Il viaggio in bus da Salerno a Minori è stato all’insegna dell’adrenalina.

L’autista sfrecciava a gran velocità sulla strada stretta e tortuosa che si arrampica sulla scogliera, come fosse su di un rettilineo e tranquillo viale milanese. Un grande guidatore, non c’è che dire, ma a me è sembrato di essere sulle montagne russe!

Finalmente a Minori!

Arrivate finalmente a Minori (sane e salve!) siamo subito andate alla ricerca del nostro alloggio, un bel appartamentino fresco di ristrutturazione, posto un po’ in alto ( ci siamo fatte 200 gradini!) ma  da cui si godeva una splendida vista sul mare e sul borgo.

Posate le valige e fatta una doccia siamo corse alla ricerca di un posticino in cui mangiare qualcosa.

A Minori non c’è che l’imbarazzo della scelta in fatto di ristorantini.

Noi abbiamo optato per una piccola pizzeria/ristorante dove abbiamo potuto gustare un’ottima pizza ed un altrettanto ottimo hamburger, tra chiacchiere e risate come non accadeva da tempo.

Giorno 2: 

Il nostro secondo giorno nella Costiera Amalfitana lo abbiamo passato a Minori, alle selezioni per il concorso, con la grande soddisfazione di arrivare alla finale che si sarebbe dovuta svolgere il giorno successivo.

Se siete curiosi potete vedere qui   sotto il video della prova di selezione:

Per la serata successiva ,che si doveva svolgere sul lungomare, le previsioni davano forti temporali e l’organizzazione ha quindi deciso di spostare la finale alla settimana successiva. Un problema tornare ma il lato positivo è stato che abbiamo potuto dedicare il nostro terzo giorno alla scoperta di altri paesi della Costiera Amalfitana.

La serata del secondo giorno l’abbiamo dedicata alla scoperta di Minori in notturna, passenggiandoi tra i suoi stretti vicoli e lungo il suo bel lungomare.

Giorno 3: Amalfi e Positano.

Il tempo a nostra disposizione era davvero poco e così abbiamo deciso di visitare Amalfi e Positano.

I vari paesi della Costiera Amalfitana sono collegati tra loro, oltre che dai bus, da un comodo servizio di traghetti e visto che, nonostante il tempo incerto, il mare era calmo abbiamo optato per questa soluzione così da poter ammirare la Costiera dal mare.

Amalfi

Ho adorato Amalfi appena, arrivando dal mare, il mio sguardo vi si è posato.

Abbiamo camminato a lungo per i suoi vicoli, tra negozi di souvenir, piccoli locali e profumi inebrianti, e siamo rimaste incantante di fronte alla bellezza ed alla maestosità del  suo Duomo.

Costiera Amalfitana, Duomo Amalfi

 

Ma il tempo era davvero poco e così, dopo una visita troppo breve di Amalfi, abbiamo ripreso il traghetto per Positano.

Positano

Anche Positano incanta a prima vista, offrendosi a chi arriva dal mare in un tripudio di profumi e colori.

Avevamo appena iniziato a passeggiare per il borgo quando è iniziato un violento temporale, abbiamo provato ad avventurarci lo stesso tra gli stretti stretti vicoli acquistando delle incerate, ma le condizioni erano davvero proibitive e così non abbiamo potuto far altro che aspettare la partenza del traghetto per rientrare a Minori in un bar vicino al porticciolo.

Il poco tempo a disposizione ci ha permesso solo un veloce assaggio di questi luoghi stupendi, lasciandoci un buon motivo per tornare!

L’ultima sera a Minori abbiamo avuto la fortuna di assistere ad uno straordinario spettacolo pirotecnico, uno dei più belli che abbia mai visto in vita mia. Un saluto davvero speciale da parte di questa terra che ci ha incantato e che ci ha riunito!

Un viaggio indimenticabile sotto tanti punti di vista! Un luogo in cui tornare per scoprilo più a fondo!

PS: Nadine è tornata a Minori la settimana successiva con suo padre e si è classificata al secondo posto!!!

Nota: purtroppo un guasto al pc mi ha fatto perdere le molte foto che avevo scattato, comprese quelle dello spettacolo pirotecnico, così ho potuto recuperare solo quelle postate sui social ed alcune di quelle scattate da Nadine.

Articolo di ©Sabrina Musetti, foto di @Sabrina Musetti e @Nadine Guerra, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Potrebbe interessarvi anche:

Come arrivare nella Costiera Amalfitana

Trovate tutti i  miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>.

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3898463586 (preferibilmente via whatsapp)


 

Condividi l'articolo!

22 thoughts on “Tre giorni in Costiera Amalfitana, per ritrovarsi tra musica e mare

  1. Un articolo utile, con una proposta interessante e anche molto economica. Questi luoghi, così belli e famosi, mi mancano ed ora mi è venuta molta voglia di visitarli.

  2. Io non sono nessuno, ma di musica me ne intendo. E tua figlia è strepitosamente brava, oltre che bella!
    Questo articolo mi ha emozionato pizzicando alcune corde sensibili della mia persona.
    Grazie :*

  3. Ciao Sabrina, che meraviglia il tuo viaggio e che bella l’esperienza con tua figlia. Mi hai fatto venire in mente che anche a me piacerebbe moltissimo organizzare un viaggio con mia mamma (anche se sono un po’ più grandicella!) e la costiera sarebbe davvero perfetta! Ho viaggiato anche io spesso con Flixbus e nonostante la lunghezza delle tratte, mi sono sempre trovata benissimo 😊

    1. Ultimamente i miei viaggi sono quasi sempre con Flixbus è un ottima soluzione e per di più notevolmente economica rispetto ad altre, ovvio occorre amare questa tipologia di viaggio!

  4. Leggendoti, mi sono immaginata il mio futuro in viaggio con mia figlia e non mi ero mai soffermata su questo pensiero. I viaggi organizzati in un quarto d’ora devono essere per forza i migliori perchè li gusti in pieno 🙂 Adoro la costiera, mi manca moltissimo ! Ma la foto di quella pizza?? parliamone ! :-p

  5. Ti ho letta volentieri… ad Amalfi organizzai la gita di classe di IV superiore e le prime righe raccontano di un amore di mamma che ha saputo riaggiustarsi lungo l’impervia strada della vita.
    Buona vita a entrambe
    E buon viaggio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *