“Anatomia dell’irrequietezza”, incontro con Elisabeth, vedova di Bruce Chatwin

Sharing is caring!!!

Anatomia dell'irrequietezza, incontro con Elisabeth Chatwin

Ieri sono stata a Castelnuovo Magra all’incontro “Anatomia dell’ irrequietezza”, una chiacchierata con Elisabeth Chatwin, moglie dello scrittore Bruce Chatwin.

L’ incontro è stato organizzato in occasione della mostra fotografica “Chatwin, il viaggio continua”.

Un incontro sicuramente interessante che ha permesso di conoscere lo scrittore da un punto di vista più intimo e familiare e di scoprire piccoli aneddoti curiosi della sua vita.

Ecco alcune frasi pronunciate da Elisabeth Chatwin che mi sono rimaste particolarmente impresse:

” Bruce scriveva soprattutto al mattino, dopo colazione. Alle 11 faceva una pausa per il caffè e poi riprendeva a scrivere per un paio d’ore. Pranzava e poi usciva a fare una passeggiata, solitamente in bicicletta. Il pomeriggio leggeva un po’. Non scriveva mai di sera, al massimo ridava un’occhiata a ciò che aveva scritto il mattino.”

“Appena tornava da un viaggio, a volte lungo mesi, già il giorno dopo voleva di nuovo muoversi e allora andavamo a Madrid o a Parigi. Non riusciva proprio a stare fermo, era un’anima assolutamente irrequieta!”

” Avevamo una bella biblioteca a casa, ma i suoi libri preferiti li teneva nel suo studio. Quando ha iniziato a stare male li ha regalati agli amici che venivano a trovarlo. ”

” Era divertente viaggiare con Bruce, andava sempre di fretta, bisognava correre ma mi divertivo molto!”

” Ho continuato a viaggiare quando lui se n’è andato ma non è mai più stato lo stesso!”

E’ stato un incontro molto interessante anche se con un maggiore impegno da parte dell’intervistatore poteva esserlo a mio avviso ancora di più. La signora Chatwin parla abbastanza bene l’italiano ma a volte si trovava in difficoltà a capire alcune domande o a spiegarsi come avrebbe voluto. L’intervistatore (giornalista Rai se ho ben capito) in tali momenti non si è però preoccupato di supportare la domanda in inglese o di tradurre le parole che la signora Chatwin, non sapendole esprimere in italiano, diceva appunto nella sua lingua. La conversazione è risultata  quindi a tratti un po’ spezzettata ed alcune domande interessanti non hanno avuto risposta.

Anatomia dell'irrequietezza, la signora Chatwin

Bellissima la cornice della Torre dei Vescovi di Luni e di Piazza Querciola da cui si gode uno straordinario paesaggio sulla valle del Magra.

Ieri vi era troppa confusione per godersi appieno la mostra, quindi me la gustero’ con più calma ( e poi magari ve ne parlerò)  nei prossimi giorni.

La mostra dedicata a Chatwin sarà a Castelnuovo Magra. La Spezia. fino all’ 8 Ottobre.

Articolo e foto di © Sabrina MusettiProtected by Copyscape
—————————————————————————————————————————–

SU DI ME

Ciao, sono Sabrina, scrittrice, blogger, content writer, consulente di viaggio e… gattara.

In questo blog condivido emozioni, esperienze di vita,  sogni, riflessioni,  scoperte, storie e le mie tante passioni.

E’ quindi un blog caleidoscopico e, a dirla tutta, anche un po’ scompigliato, ma assolutamente genuino.

Proprio come me!

Grazie per avermi letto!!!

Per qualsiasi informazione o per eventuali collaborazioni puoi contattarmi alla fb page  Il mio mondo libero  o alla mail tikysabry@gmail.com.

A presto!!!

 

Seguimi sui social e trova i miei libri su Amazon:
Sharing is caring!!!