La Barca di San Pietro, affascinante tradizione tra religione e “magia”

(Aggiornato Giugno 2020)

La barca di San Pietro

Ieri ho scoperto grazie ad un’amica l’esistenza di una suggestiva tradizione contadina chiamata “La barca di San Pietro”, o anche “il veliero di San Pietro”, ovviamente come per ogni cosa che mi incuriosisce sono andata ad approfondire l’argomento. Ve ne racconto in questo articolo, buona lettura!!

La Barca di San Pietro: un’antica tradizione sospesa tra religione e “magia”

La Barca di San Pietro, o Veliero di San Pietro, è una tradizione millenaria che si trasmette da generazioni nelle campagne del Nord, in particolare in Veneto, Lombardia, Piemonte e Liguria. Questa tradizione è diffusa anche nel nord della Toscana, in particolare nelle zone della Garfagnana ( Lucca), della Galciana (Prato) e della Valleriana (Pistoia).

In queste zone nella notte tra il 28 ed il 29 Giugno, la notte di San Pietro e Paolo, è usanza riempire un recipiente di vetro con acqua fredda, farvi colare l’albume di un uovo e posizionarlo all’aperto, in giardino o sul balcone, per tutta la notte.

Secondo la leggenda durante la notte San Pietro, per mostrare il suo affetto ai fedeli, soffierà nel recipiente compiendo la “magia” per cui  l’albume prenderà la forma di una barca a vela.

A seconda di come  il mattino si presentano le vele della barca si potrà prevedere se l’estate porterà un buon raccolto o meno. Un veliero con le vele spiegate è foriero di un ottimo raccolto e più in generale dell’ arrivo di un periodo positivo per l’intera famiglia, al contrario se le vele non si formano o sembrano chiuse è segno di un cattivo raccolto e di un periodo difficile.

La Barca di San Pietro: come si forma il veliero

Il fenomeno della formazione della Barca di San Pietro è dovuto al fatto che l’albume, che ha un densità maggiore dell’acqua, si deposita sul fondo dove, con la temperatura più fresca della notte, si rapprende. Quando poi l’acqua fredda si riscalda, grazie al calore che il contenitore assorbe dalla terra o dal davanzale su cui è posato, tende a risalire trascinando con se l’albume che forma dei filamenti che ricordano molto le vele di un veliero.

Curiosità sulle origini del rito

La tradizione della barca di San Pietro risale al culto di San Pietro apostolo diffuso a partire dal ‘800 dai monaci benedettini.  In queste zone rurali  al culto religioso si affiancarono molte credenze e riti contadini dando vita così a questo rito in realtà più pagano che cristiano.

In alcune zone e con qualche variante questo rito si effettua anche il 24 Giugno, festa di San Giovanni Battista.

Come fare la Barca di san Pietro

Provare a fare la barca di san Pietro è davvero semplicissimo, bastano infatti una caraffa o un barattolo di vetro, un albume d’uovo ed un po’ di acqua fredda. 

Il procedimento è questo :

1 riempite il recipiente di acqua fredda

2 fate colare nell’acqua un albume

3 Posizionate il recipiente all’esterno della casa, sul balcone, in giardino o sul davanzale della finestra

4 Lasciatelo fuori tutta la notte

Al mattino potrete vedere il vostro veliero di San Pietro!

Avete mai provato a fare la Barca di San Pietro? Se si raccontatemelo nei commenti e magari postate le vostre foto sulla pagina facebook!

Se questo articolo vi è piaciuto o vi è stato utile condividetelo!!!

Articolo di ©Sabrina Musetti, riproduzione vietata senza citare la fonte. 

Foto dal web, se riconosci la foto come tua segnalamelo e provvederò ad inserire il nome dell’autore o a rimuoverla.

Scoprite  altri articoli della categoria Lifestyle>>>

Scoprite i miei articoli di viaggio nella categoria  Viaggi >>>

Per qualsiasi informazione, segnalazione o per collaborazioni, potete contattarmi:

con messaggio alla pagina facebook Il Mio Mondo libero

alla mail: sabrina@ilmiomondolibero.it

al mobile + 39 3898463586 (anche via whatsapp)


Condividi l'articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *